Banche, il tasso sui prestiti al minimo storico (2,7%). Segnali positivi dalle sofferenze - Mutui prima casa, dalle informazioni alla stipula passano 4 mesi e mezzo - Mutui in salute grazie alla cura “Quantitative easing”: ma cosa potrebbe cambiare dopo? - Mutui, tassi verso il rialzo. Ma gli spread rimangono «appetibili» - Mutui, perché sta tornando in auge il tasso variabile - Le trappole dietro i finanziamenti e cessioni del quinto. Soldi trattenuti all’insaputa dei clienti - Mutui: aumentano dell’11,5% gli importi erogati - Bankitalia: prestiti in aumento e sofferenze in calo - Mutuo: nel tasso soglia anche le penali previste in caso di risoluzione - Obbligo Enasarco per i Collaboratori dei Mediatori Creditizi

Meglio scegliere prima il mutuo e poi la casa

 Nel 2012 sono stati erogati in Italia oltre 200mila mutui ipotecari. Non si conosce, però, il dato di quanti non sono stati stipulati: ovvero di quei prestiti chiesti ma non concessi. La “sensazione” è però che sia un numero in crescendo rispetto a qualche tempo fa quando il mercato era in piena salute e le erogazioni complessive superavano anche quota 500mila. Una “sensazione” corroborata dal fatto che molti istituti vogliono premunirsi dal rischio insolvenze, dato che queste sono in aumento: secondo Crif sono aumentate dal secondo al terzo trimestre 2012 dall’1,6% all’1,9% e rischiano di avvicinarsi al record del 2,3% registrato nel 2010.

Insomma, quando c’è crisi le probabilità che tra la domanda di un finanziamento ipotecario e il nullaosta da parte della banca qualcosa si inchiodi sono più alte che in tempi normali. Allora cosa fare se la prima banca nega il finanziamento?

Il primo consiglio è non arrendersi e provare con altri istituti, perché il segreto sta nel trovare la banca che nel momento in cui stiamo cercando il finanziamento offre le migliori condizioni di mercato. E non è detto che quella banca sia casualmente proprio quella con cui abbiamo da anni un conto corrente. Bisogna aprirsi mentalmente all’idea di poter chiedere un mutuo anche presso un altro istituto senza che questo ci obblighi ad aprire un nuovo conto corrente, con costi annessi. Perché la legge lo vieta.
Però prima di (ri)cominciare la ricerca è opportuno calcolare il proprio “potere di mutuo acquisto”, ovvero la rata massima potenziale che si può sostenere con il proprio reddito.

Per chi è alle prese con la richiesta di un mutuo lo scoglio più importante da superare è l’istruttoria della banca. L’istruttoria è quella procedura (solitamente esternalizzata) con cui l’istituto di credito valuta il rating (giudizio di affidabilità) del potenziale cliente. Per capire se può essere un buono o cattivo pagatore. Solitamente migliore è il rating più basso è lo spread (il ricarico sugli indici interbancari) posto dall’istituto. E viceversa.

Se il rischio di insolvenza è troppo alto (e quindi se il rating è troppo basso) la banca può decidere di rifiutare l’offerta del mutuo. Prima di imbattersi nella richiesta del mutuo, si può provare anche da soli ad effettuare uno stress test sul proprio reddito. In che modo? Il punto di partenza è il reddito netto mensile (si somma quello dei coniugi in caso di mutuo cointestato). Poniamo che sia di 2.800 euro. A questo punto bisogna sottrarre le cosiddette quote di sussistenza. In pratica la liquidità necessaria per pagare bollette e le spese varie quotidiane che occorrono per vivere. Molti istituti di credito calcolano la quota di sussistenza intorno agli 800 euro. Poi ci sono i figli a carico per cui, in media, si sottraggono altre 200 euro cadauno. Senza dimenticare di sottrarre l’importo di rate dovute ad altri finanziamenti in corso.

Ponendo che nell’ipotesi le “altre rate” ammontino a 200 euro, e ponendo che l’aspirante mutuatario abbia un figlio a carico abbiamo 1.400 euro, da sottrarre al reddito netto (2.800). Quindi ne restano 1.600 euro. Questo importo rappresenta una sorta di “potere mutuo-acquisto”, in sostanza la forza contrattuale per ottenere il prestito. Il “potere mutuo acquisto” deve essere almeno 1,5 volte la rata. Nell’esempio, dividendo 1.600 euro per 1,5 si arriva a 1.066 euro. Ciò significa che la rata del mutuo non dovrebbe superare questo importoÈ inoltre bene sapere che molte banche, soprattutto di questi tempi e in particolare per i giovani, chiedono una fideiussione, ovvero la garanzia di un altro individuo che si ponga come pagatore nel caso il mutuatario non riesca a far fede al debito. Normalmente questa condizione viene posta per chi ha un basso rating, ovvero un rata sostenibile bassa. Anche in questo caso dopo aver calcolato il proprio “potere di mutuo acquisto” ci si può fare un’idea se è bene anche contattare preliminarmente qualche potenziale fideiussore. Per avere le carte in regola nel momento decisivo della richiesta del mutuo. Inoltre, prima di contattare la banca è meglio avere dimestichezza con il loan to value, la percentuale del finanziamento in relazione al valore dell’immobile. Alcuni istituti concedono mutui solo fino al 60-70% del valore dell’immobile e non si spingono fino all’80% (massimo consentito da Bankitalia, dopo tale soglia la banca è obbligata a stipulare un’assicurazione a copertura dell’importo eccedente). Quindi bisogna chiedere un mutuo solo se si ha un minimo di disponibilità finanziaria da parte. Altrimenti la ricerca rischia di rivelarsi un’amara perdita di tempo.

Detto ciò, siamo pronti per cercare le offerte migliori e allargare la cerchia delle banche potenzialmente disponibili ad accordarci il prestito. In questa ricerca è preferibile consultare, oltre al fai-da-te allo sportello, le soluzioni proposte da broker online, confrontando i prezzi dei mutui guardando esclusivamente il Taeg (Tasso annuo effettivo globale). Nel mondo dei broker ci si può anche rivolgere a mediatori creditizi offline che lavorano contemporaneamente con più banche, verificando che siano realmente indipendenti e che quindi possano offrire il miglior consiglio del momento. In questo caso bisogna valutare il costo dell’intermediazione e farselo includere nel Taeg, in modo tale da semplificare i confronti e ottimizzare la scelta.

Questi passi è meglio che vangano compiuti prima di aver trovato la casa. Spesso, infatti, si cerca prima la casa e poi, una volta trovata, si fanno i salti mortali per ottenere il mutuo finendo per firmare il primo contratto che si trova senza effettuare le verifiche del caso alla ricerca del finanziamento più aggressivo. È in questi casi che si firmano i mutui peggiori e non si frappone nessun ostacolo all’offerente che può porci le “condizioni peggiori”. Altro consiglio: una volta trovato l’immobile è sempre meglio inserire nella proposta d’acquisto la clausola “salvo mutuo” che ci protegge nel caso il finanziatore si tirasse indietro all’ultimo minuto.

da agentifinanziari.wordpress.com

  • Mutui in salute grazie alla cura “Quantitative easing”: ma cosa potrebbe cambiare dopo?
  • Mutui prima casa, dalle informazioni alla stipula passano 4 mesi e mezzo
  • Mutui, tassi verso il rialzo. Ma gli spread rimangono «appetibili»
  • Banche, il tasso sui prestiti al minimo storico (2,7%). Segnali positivi dalle sofferenze
  • Mutui, perché sta tornando in auge il tasso variabile
  • Le trappole dietro i finanziamenti e cessioni del quinto. Soldi trattenuti all’insaputa dei clienti
  • Mutui: aumentano dell’11,5% gli importi erogati
  • Mutui in salute grazie alla cura “Quantitative easing”: ma cosa potrebbe cambiare dopo?

    Buone notizie in arrivo per chi ha acceso o ha intenzione di accendere un mutuo. A tenere tutti col fiato sospeso, nei giorni scorsi, era il responso del Governatore della Bce Mario Draghi rispetto a possibili annunci su una sospensione del Quantitative Easing. Per fortuna,  le parole di Draghi hanno rassicurato tutti: il QE durerà tutto il tempo che sarà necessario. Un bel sospiro ...

    Tag: credito, mutui, quantitative-easing, tassi

    Mutui prima casa, dalle informazioni alla stipula passano 4 mesi e mezzo

    Dalla prima ricerca di preventivo su internet e l’effettiva concessione di un mutuo passano in media 134 giorni, pari a circa 4 mesi e mezzo. È il tempo che risulta da un’elaborazione seguita all'analisi dell'iter di un campione di quasi 1.800 pratiche concluse nei primi sei mesi dell’anno. I tempi variano sia per tipo di finanziamento – dai 115 giorni del finanziamento per liquidità ai...

    Tag: erogazione, mutui, stranieri, tempi

    Mutui, tassi verso il rialzo. Ma gli spread rimangono «appetibili»

    Già nell’autunno 2016 gli addetti ai lavori avevano cominciato a prevedere la lenta risalita del costo dei mutui, sulla base del previsto e graduale cambio di rotta nella politica monetaria espansiva della Bce. Ma solo negli ultimi mesi si stanno iniziando a vedere i segnali concreti dell’inversione di tendenza. Secondo l’anticipazione fornita a Casa24 Plus della Bussola dei mutui elaborata...

    Tag: banche, mutui, precrisi, tassi

    Banche, il tasso sui prestiti al minimo storico (2,7%). Segnali positivi dalle sofferenze

    Migliora la dinamica dei prestiti, il costo del denaro si mantiene a livelli minimi e scendono le sofferenze. Sono buoni i dati sul settore del credito che arrivano parallelamente dall'Abi e dall'indagine della Bce rivolta agli operatori del settore. Secondo il rapporto mensile dell'Associazione delle banche italiane, "dai dati di giugno 2017, emerge che i prestiti a famiglie e imprese sono in ...

    Tag: banche, bassi, media, tassi

    Mutui, perché sta tornando in auge il tasso variabile

    Mutui, perché sta tornando in auge il tasso variabile

    Sono due anni che, tra surroghe e nuovi mutui, il tasso fisso sta monopolizzando il mercato. Per via di politiche particolarmente aggressive di alcune banche siamo arrivati al punto che quasi nove mutui su 10 negli ultimi mesi sono stati stipulati a tasso fisso. Uno schiaffo di proporzioni epiche al tasso variabile nonostante questo dal 2015 poggi su un Euribor (l’indice che viene sommato ...

    Tag: banche, bassi, media, tassi

    Le trappole dietro i finanziamenti e cessioni del quinto. Soldi trattenuti all’insaputa dei clienti

    Oggi approfondiamo un tema caro a molti persone che ricorrono alla cessione del quinto della propria busta paga. Il lavoratore-cliente spesso è ignaro che i costi dei finanziamenti sostenuti quasi sempre le Banche e Finanziarie non li restituiscono tramite un meccanismo perverso. Molte famiglie accedono ai finanziamenti per superare momenti di crisi nella loro gestione economica, per aiutare un ...

    Tag: abuso, banche, cessioni-del-quinto, clienti, interessi, polizze, restituzione

    Mutui: aumentano dell’11,5% gli importi erogati

    Continua il trend di crescita degli importi richiesti dai mutuatari e quelli erogati loro dalle banche; a maggio 2017, l’importo medio richiesto in Italia è stato pari a 131.112 euro, in aumento del 2,25% rispetto a dodici mesi prima. Su un campione di oltre 15.000 domande di finanziamento,  si è registrato soprattutto un significativo aumento delle somme erogate dalle banche (+11,57%)...

    Tag: mutui, surroghe, tassi

    Bankitalia: prestiti in aumento e sofferenze in calo

    Entrando nel dettaglio dei dati forniti dalla Banca d'Italia, dal 1° al 30 aprile 2017 i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono saliti del +0,8% su base annua, anche se in rallentamento rispetto al +1% di marzo. I prestiti alle famiglie, compresi anche i prestiti senza busta paga, sono c...

    Tag: banca-ditalia, bankitalia, prestiti

    Mutuo: nel tasso soglia anche le penali previste in caso di risoluzione

    Con ricorso ex art. 702 bis c.p.c, la ricorrente conveniva in giudizio l’intermediario con il quale aveva stipulato nel 2008 un contratto di mutuo fondiario per € 700.000,00. Nell’atto era prevista la facoltà per il mutuatario di estinguere anticipatamente il finanziamento, in tutto o in parte, senza corrispondere alcun compenso alla banca in relazione al periodo di preammortamento; l’es...

    Tag: mutui, penali, taeg, tassi

    Obbligo Enasarco per i Collaboratori dei Mediatori Creditizi

    Dopo il Ministero del Lavoro anche il Tar del Lazio ha confermato con sentenza numero 2698, l’obbligo di iscrizione Enasarco per i collaboratori dei mediatori creditizi, respingendo il ricorso avanzato, a nostro avviso correttamente, dalla Fiaip. Non essendo oggetto dell’argomento di oggi, non entriamo nel merito della normativa e delle differenze tra le attività compatibili a quelle del...

    Tag: mutui, penali, taeg, tassi

    Lombardia: meno prestiti a imprese, crescono sofferenze banche

    Nel 2016 i prestiti alle società lombarde hanno continuato a contrarsi, raggiungendo un nuovo minimo. Le imprese sopravvissute alla crisi hanno però proseguito il proprio processo di rafforzamento, mostrando profili di rischio più robusti. Sono diminuiti i default, ma sono tornate a salire le sofferenze delle banche originate da prestiti alle imprese. Questo è lo scenario, con tratti in chiar...

    Tag: bonomi, finanziamenti, milano, prestiti, sofferenze

    Fitch: insolvenze mutui ai minimi degli ultimi 8 anni in Italia

    Le insolvenze sui mutui ipotecari residenziali in Italia sono scese ai livelli minimi dal 2009. Il tasso annuale di default costante (Cdr) calcolato da Fitch è infatti calato nel primo trimestre di quest'anno all’1%, da un massimo superiore all’1,4%. Lo comunica l'agenzia, precisando che il Mortgage Market Index italiano di Fitch ha registrato un calo contenuto delle insolvenze in circolazio...

    Tag: banche, insolvenze, mutui, tassi

    Istat: i mutui sostengono la ripresa immobiliare (+17% nel 2016)

    Un’ulteriore conferma del buono stato di salute del mercato immobiliare arriva dai dati Istat su compravendite e mutui di fonte notarile, entrambi cresciuti del 17% nel 2016. Un dato di poco al di sotto di quello registrato dall’Agenzia delle Entrate. Secondo l’Istituto di statistica i trasferimenti immobiliari sono stati 728.817, 105.742 in più sul 2015. L'aumento dei trasferimenti...

    Tag: agenzia-entrate, credito, istat, mutui

    Banche, il ritorno dei mutui al 100%. Ma bisogna pagare tassi più alti

    Prima delle crisi non era inconsueto incappare in proposte di mutui al 100%. Le banche non facevano fatica a dire di «sì» a quei finanziamenti che coprivano l’intero valore dell’immobile da acquistare. Famiglie e giovani non avevano quindi bisogno di un capitale iniziale per comprare casa a rate. Qualcuno addirittura riusciva a strappare il 120-130% con altri 20 o 30 mila euro aggiuntivi, p...

    Tag: agenzia-entrate, credito, istat, mutui

    Mutuo casa: verso nuova convenzione

    Notizie rassicuranti per chi ha a che fare con i cosiddetti "mutui prima casa". Il periodo di transizione fra vecchia e nuova convenzione tra la Regione e gli istituti bancari, infatti, è regolato e permette ai cittadini di procedere con le proprie richieste. L'accordo del 20 dicembre scorso con le banche attualmente convenzionate (Banco di Sardegna, Banca Intesa, Unipol), prevede che la Regione...

    Tag: banche, casa, convenzioni, mutui

    Prestiti. Ecco le regole d’oro per non finire nei guai

    Dalla spesa per l’auto nuova, alle somme necessarie per ristrutturare casa, fino all’elettrodomestico o allo smartphone comprato a rate. Le famiglie hanno di nuovo ripreso a indebitarsi per gli acquisti o magari per concedersi qualche sfizio. Le richieste di finanziamenti personali sono tornate quasi ai livelli pre-crisi. Secondo i dati Crif, nel 2016 la domanda di prestiti è cresciuta del 7,...

    Tag: banche, casa, convenzioni, mutui

    Mutui, il tasso fisso torna a salire Crescono anche gli importi richiesti

    Il tempo dei tassi ai minimi storici per i mutui per privati e famiglie sta probabilmente iniziando a volgere al termine. Mentre sul fronte dei mutui a tasso variabile la situazione appare piuttosto stabile, lato mutui a tasso fisso gli indici di riferimento Irs hanno iniziato una rapida ascesa da fine settembre 2016 e hanno portato - con un ritardo di qualche mese - a una sensibile revisione a ge...

    Tag: banche, casa, convenzioni, mutui

    Gli obblighi in materia di antiriciclaggio: tra tutela penale e definizioni del D.Lgs 231/07

    Nel corso dell’ultimo decennio si è assistito ad un “cambio di rotta” nel comparto bancario e finanziario: se, infatti, per lunghi anni i players bancari e creditizi erano considerati un “servizio di promanazione statale” e quindi scarsamente sanzionabili in relazione ad eventuali profili di illiceità civile nell’esercizio delle attività e dei servizi contrattuali prestati alla cl...

    Tag: banche, casa, convenzioni, mutui

    Accelerano i mutui e rallentano le surroghe. Migliora il tasso di default

    tui ancora in crescita e tassi di default in miglioramento, nonostante la frenata delle surroghe e i tassi che segnano una lenta tendenza al rialzo. È lo scenario che emerge incrociando i dati elaborati dal consueto bollettino Bankitalia, dal 41esimo Osservatorio sul credito al dettaglio di Assofin, Crif e Prometeia e dall’Osservatorio Mutuionline.it Secondo via Nazionale, le banche a ottobre ...

    Tag: banche, casa, convenzioni, mutui

    Tassi esagerati sui mutui, rimborsi a 35mila famiglie abruzzesi

    Dopo vent’anni oltre 35mila famiglie abruzzesi hanno la possibilità di vedersi rimborsata dalle banche una parte degli interessi sui mutui che secondo l’Antitrust e la Commissione europea erano spropositati. Trentacinquemila famiglie solo in Abruzzo che, nel periodo tra il settembre 2005 e il maggio 2008, hanno acquistato un immobile con un mutuo a tasso variabile. Ci sono poi gli altri clien...

    Tag: banche, casa, convenzioni, mutui

    Fabio Rufini, dirigente vigilanza Enasarco: “La sentenza del Consiglio di Stato sugli obblighi contributivi dei collaboratori dei mediatori creditizi ha confermato principi che sostenevamo da tempo”

    Con sentenza n. 2570 del 14 giugno scorso il Consiglio di Stato ha confermato quanto statuito dal Tar del Lazio con la sentenza n.2698 del 17 febbraio 2015:“l’attività dei collaboratori dei mediatori creditizi è un’attività di promozione degli affari inquadrabile nello schema del contratto di agenzia”. Un’attività soggetta dunque all’obbligo di contribuzione Enasarco, con  buona p...

    Tag: banche, casa, convenzioni, mutui

    Verso il 2017: mutui a confronto

    Quale mutuo conviene scegliere ora in previsione del prossimi mesi del 2017? E’ un buon momento per il mercato immobiliare, che già da mesi è tornato a crescere, stimolato anche dalla discesa dei prezzi degli immobili.  Negli ultimi due anni si sono riscontrati segnali finalmente positivi, rispetto al periodo buio 2011-2013: da allora, sia la domanda sia le erogazioni alle famiglie hanno ri...

    Tag: 2017, mutui, tassi

    Tassi dei mutui ai minimi storici, ma potrebbero cominciare lentamente a risalire

    Continua il momento positivo per chi deve stipulare, ricontattare o surrogare un mutuo, con i tassi che registrano un nuovo minimo storico. È il quadro descritto dall’ultimo report di Crif e MutuiSupermarket relativo al terzo trimestre di quest’anno. Un esempio concreto? «Per una operazione di mutuo di 120mila euro, durata 20 anni, – esemplifica una nota – valore immobile 220mila euro...

    Tag: crif, mutui, tassi

    I nuovi mutui “solo interessi” per giovani e il precedente danese

    Un gentile lettore mi segnala un link dove una nota banca italiana promuove i mutui a disposizione della clientela. D’altronde il momento è propizio per chi voglia farne uno, visto che i tassi sono a un livello molto basso. I dati di Bankitalia, peraltro, certificano che i mutui alle famiglie per le abitazioni sono l’unico settore che tira nel sofferente mondo del credito, e quindi è de...

    Tag: banche, danimarca, interessi, mutui, tassi

    Crif, richieste di mutui +11,6%

    Bilancio positivo per i mutui nei primi nove mesi del 2016, con una domanda in crescita dell'11,6% rispetto all'analogo periodo del 2015 e con l'importo medio richiesto in aumento del 2%. E' quanto emerge dal Barometro Crif, analisi mensile effettuata sulla scorta di vere e proprie istruttorie formali presentate agli istituti di credito, non semplici richieste di informazioni o preventivi online...

    Tag: banche, danimarca, interessi, mutui, tassi

    Mutui: cos'è successo nel mercato del credito nel I semestre 2016

    Segnali positivi dal mercato del credito. Come evidenziato da un rapporto dell’Ufficio Studi Tecnocasa, le erogazioni sono in aumento da due anni e per il quinto trimestre consecutivo superano i 10 miliardi di euro. Un trend suffragato anche dalle performance positive riscontrate mensilmente, che vedono incrementi importanti a partire dalla metà del 2014, nonostante un rallentamento della cre...

    Tag: banca-ditalia, banche, cap, fisso, mutui, tassi, variabile

    Bce: per Cgia QE funziona poco, prestiti a imprese italiane in calo

    Il Quantitative easing (Qe) finora ha funzionato poco, in un anno e mezzo sono stati 176 i miliardi di titoli pubblici italiani acquistati dalla Bce, ma l'inflazione è a zero e nell'ultimo anno i prestiti alle imprese sono diminuiti di 26,3 miliardi. Lo afferma la Cgia di Mestre sottolineando come le aziende più penalizzate siano state quelle del Lazio e del Veneto. Dopo oltre un anno e mezzo...

    Tag: banca-ditalia, banche, cap, fisso, mutui, tassi, variabile

    Mutui, conviene fisso o variabile?

    Mutui, conviene fisso o variabile?

    Il mutuo a tasso fisso ha rotto (al ribasso) la barriera dell’1,5 per cento. Alcuni istituti offrono mutui con un Tan (Tasso annuo nominale, a cui poi aggiungere eventuali altri costi per arrivare al Taeg) sotto questa soglia. Ovviamente le offerte più aggressive riguardano anche le durate più basse (10 anni) per il semplice fatto che gli indici Irs (dal cui andamento dipende a quale tasso ver...

    Tag: banche, case, compravendite, euribor, immobili, irs, mutui, tassi

    Credito, Mutui a famiglie +1,8% su anno

    Ad agosto, secondo i dati del Rapporto mensile Abi, l'ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.807,6 miliardi, è nettamente superiore, di oltre 136 miliardi, all'ammontare complessivo della raccolta da clientela, 1.671,3 miliardi.  In lieve miglioramento, ancorché su valori prossimi allo zero lo stock dei finanziamenti in essere a famiglie e imprese, co...

    Tag: credito, famiglie, mutui

    Il Mediatore di ieri, oggi e domani

    Un tempo quando ancora il mercato non era quello attuale e i mezzi di comunicazione non erano quelli odierni, a servizio delle parti che intendevano compravendere un immobile e/o un prodotto agricolo, e/o bestiame e/o altro bisognava rivolgersi al sensale di piazza. Lui muoveva il mercato mettendo in relazione le parti, conosceva tutto e tutti ed era dotato di grande carisma e capacità. Il suo u...

    Tag: credito, famiglie, mutui